Eventi – Events

Lug
27
sab
Mostra “Caduta Libera” @ Bellano - Ex Circolo Lavoratori
Lug 27–Nov 10 giorno intero
Mostra "Caduta Libera" @ Bellano - Ex Circolo Lavoratori

CADUTA LIBERA
a cura di Velasco Vitali

26 luglio – 10 novembre 2019
CIRCOLO
Via Manzoni, 50 . Bellano

Organizzato da ArchiViVitali in collaborazione con il Comune di BellanoFondazione MaimeriFonderia Artistica BattagliaM77 Gallery e con il sostegno di 20 Red LightsBIG Broker Insurance GroupLa ScalaOrrido di BellanoTorneria Automatica Alfredo Colombo.

Inaugurazione Circolo Bellano: 26 luglio . ore 19 | 21

Orari di apertura:

27 luglio/ 01 settembre – mar/ven 18-22; sab-dom 11-13 . 18-22
2 settembre / 10 novembre: sab/dom 11-13 . 16-18


CADUTA LIBERA è il titolo della seconda mostra a cura di Velasco Vitali che si inaugura al Circolo di Bellano il 26 luglio, e sarà aperta fino al 10 novembre 2019. Da qui, in dicembre sarà riallestita nei nuovi spazi della Fonderia Artistica Battaglia, a Milano.

CADUTA LIBERA è un’indagine sull’oscurità, sulle sue sorprese e i suoi fantasmi. È un omaggio all’Orrido come luogo fisico e paesaggio dell’anima, ma anche un’escursione mentale sulle zone d’ombra e gli oggetti abbandonati o dimenticati che riaffiorano a nuova vita con sembianze diverse rispetto a ciò che erano e alle ragioni per le quali sono stati creati. La suggestione s’ispira al movimento di un rivolo d’acqua quando oltrepassa uno scalino di roccia e diventa cascata. Dal mistero dell’erosione carsica e dall’insistente lavoro di scavo che l’acqua fa sulla pietra. Anfratti, grotte e gole sono “l’orrido” risultato di questa azione.
Luoghi inaccessibili e paurosi che solo l’azzardo speleologico ogni tanto riesce a svelare, portando a galla qualcosa di sorprendente: è la memoria biologica stratificata e sedimentata, è un mondo naturale che scorre a nostra insaputa sotto di noi. Certe volte il fiume in piena esonda dal proprio alveo e l’acqua trascina con sé i sedimenti di superficie, svelando materiali e reperti ripuliti dai loro fronzoli, rimodellati e “sabbiati”: forme nuove sotto nuova luce.
La mostra nasce dalla scoperta di un nucleo di venticinque opere che Gianni Maimeri (1884-1951) dipinse fra il 1906 e 1910 rinchiudendosi fra le gole di un Orrido. Sono dipinti mai esposti al pubblico e per la prima volta visibili nel loro insieme. Sono la testimonianza di uno slancio giovanile di chiaro impulso romantico, ma con una folgorante matrice espressionistica.
Cromie che cercano di emergere dal buio. Sulla parete opposta della grande sala, è allestito un estratto dal ciclo Gypsoteca di Agostino Iacurci: una ricerca di oggetti e simboli della memoria popolare che filtra e plasma gli elementi di classicità reinventandoli con uno spirito Pop di echi disneyani. Dalle finestre del Circolo, appare in giardino il non finito abbandonato ovvero i detriti di alcune importanti sculture realizzate presso la Fonderia Artistica Battaglia, storica officina del bronzo dalla quale sono passati i più celebri scultori italiani del Ventesimo Secolo.
Un grande tappeto blu, simbolo della cascata, ‘sgorga’ dalla scala barocca del Circolo e si riversa sulla contrada, invadendola. Al centro dell’atrio, uno smisurato orecchio giallo, opera di Agostino Iacurci, diventa simbolo metafisico, in ascolto degli echi dell’Orrido.

La data della mostra estiva coincide con l’anniversario della scomparsa di Giancarlo Vitali (29.11.1929 _ 25.07.2018).
In occasione dell’inaugurazione di CADUTA LIBERA sarà aperto al pubblico l’Archivio dell’artista (altrimenti aperto su prenotazione) ospitato nello spazio adiacente al Circolo.

GIANNI MAIMERI (1884-1951)

Gianni Maimeri nasce a Varano il 21 giugno 1884 da una famiglia appartenente a quella classe d’imprenditori che pioneristicamente diedero impulso alla nascente industria lombarda. Dopo una breve parentesi veneziana presso lo studio di Giuseppe Vizzotto, nel 1906 rientra a Milano e prosegue gli studi con Leonardo Bazzaro, stabilendo un rapporto molto intenso di stima reciproca con Emilio Gola, che chiama “maestro”. Raffaello Giolli presenta la sua prima personale nel 1918, a cui si susseguono molte personali e collettive presso le più importanti gallerie pubbliche e private. Maimeri s’ inserisce facilmente nella vita artistica italiana, ma se ne distacca dopo l’avvento del fascismo. Nonostante sia palesemente messo in disparte, nel 1929 vince la medaglia d’oro e il premio del Ministero delle Comunicazioni alla terza Esposizione del Paesaggio tenuta a Bologna. La vita di Milano lo coinvolge: nel 1929 ingaggia una dura battaglia con la Podesteria Milanese sul piano regolatore che prevede la chiusura dei Navigli. Testimonianze di quegli anni, il ciclo dei Trenta Navigli di Milano. Pittore e uomo pubblico, dunque, ma anche imprenditore: nel 1923, insieme con il fratello Carlo che nel 1908 aveva conseguito la laurea in chimica industriale, rileva il Mulino Blondel alla periferia sud di Milano, e fonda la Fratelli Maimeri, una piccola azienda produttrice di colori, che con alterne vicende si svilupperà negli anni a venire fino a raggiungere dimensioni ragguardevoli. Nel 1951 Gianni Maimeri muore a Milano. Soltanto nel 1992 viene esposta e pubblicata per la prima volta al Museo della Scala una ricca sezione di Disegni di Musicisti dal grande valore storico oltre che artistico.

AGOSTINO IACURCI (1986)

Artista italiano che vive a Berlino. Afferma la propria cifra stilistica, utilizzando tutti le tecniche artistiche: pittura, pittura murale, scultura, disegno e installazione. Le sue opere sono caratterizzate da composizioni definite con colori brillanti, ai confini tra la figurazione e l’astrazione. Interessato principalmente agli oggetti di uso quotidiano, il suo linguaggio immediato trasmette molteplici livelli di interpretazione. Per andare oltre il limite della pittura, Iacurci ambienta opere e spazi scenografici, ricreando nuovi spazi. Ha esposto in molte mostre, festival e partecipato a progetti in Europa, Stati Uniti, Brasile, Russia, India, Indonesia, Messico, Australia, Corea, Giappone e Taiwan. Le mostre recenti: Urban Art Biennale 2017, Völkinger Hütte, European Centre for Art and Industrial Culture, Germany; Cross the streets, Museo Macro Roma, 2017; FADA, House of Madness, The Watermill Center, New York, 2016; 16° Premio Cairo, Palazzo della Permanente, Milano, 2016; Codici sorgenti, Palazzo Platamone, Catania, 2015; From Street to Art, Italian Cultural Institute of New York, Artmosphere, Urban art Biennale, Moscow, 2014.
www.agostinoiacurci.com

FONDERIA ARTISTICA BATTAGLIA

Fonderia Artistica Battaglia nasce a Milano nel 1913 da tre soci fondatori: Ercole Battaglia, Giulio Pogliani e Riccardo Frigerio. Fin dagli inizi, Battaglia ha realizzato bronzi artistici con il metodo della fusione a cera persa. Battaglia ha fuso opere di artisti come Arturo Martini, Francesco Messina, Marino Marini, Giacomo Manzù e, dopo la seconda guerra mondiale, Kengiro Azuma, Giò e Arnaldo Pomodoro, Lucio Fontana. Le opere più famose di Battaglia, quelle che saranno sempre ricordate dalle generazioni future, sono il cavallo di RAI di Francesco Messina, 196, le copie dei cavalli bizantini sopra la Basilica di San Marco a Venezia; Le Sfere di Arnaldo Pomodoro nel Cortile della Pigna e la Sfera Vaticana all’esterno della sede dell’ONU a New York; Il monumento di Floriano Bodini I Sette Gottinga ad Hannover e la sua famosa “Porta Santa” della Basilica di San Giovanni in Laterano per il Giubileo del 2000 a Roma.
Dal 2013 la Fonderia Artistica Battaglia ricerca in modo capillare le varie possibili finiture e patine del bronzo; di quest’ultime ad oggi Battaglia ha catalogato ben 150 reazioni cromatiche diverse creando il campionario probabilmente più completo al mondo. L’avvio del Dipartimento di Restauro, all’interno della Fonderia sotto la responsabilità di una restauratrice laureata all’Opificio delle Pietre Dure di Firenze, consente di conservare e studiare le sculture in bronzo antiche e moderne. Battaglia collabora con importanti artisti contemporanei tra i quali: Giorgio Andreotta Calò, Francesco Arena, Marguerite Humeau, Gianni Politi, Francesco Simeti, Nico Vascellari, Serena Vestrucci, Vihls, Velasco Vitali, Peter Wächtler. Dal 2014 Fonderia Artistica Battaglia ha avviato un progetto sperimentale che coinvolge alcune delle figure più importanti dell’art design contemporaneo.
www.fonderiabattaglia.com

IL CIRCOLO

Riconsegnato alla comunità nel mese di dicembre 2018 dopo un meticoloso restauro, lo spazio Circolo (ex Circolo dei Lavoratori) è stato affidato ad ArchiViVitali, con bando pubblico, per l’organizzazione di due esposizioni annuali, curate dall’artista Velasco Vitali e che saranno sempre inaugurate in due date simboliche: il 29 novembre per ricordare la data di nascita di Giancarlo Vitali e il 25 di luglio per ricordarne la scomparsa.
Dal 21 settembre 2019, il Circolo ospiterà anche la rassegna IL BELLO DELL’ORRIDO a cura di Armando Besio, un calendario di incontri con autori in omaggio ai molti scrittori Bellanesi, Sigismondo Boldoni, Antonio Balbiani, Tommaso Grossi, Luciano Lombardi e Andrea Vitali.

ARCHIVIVITALI E L’ARCHIVIO DI GIANCARLO VITALI

Accanto al Circolo, sullo stesso cortile che un tempo ospitava il campo di bocce, si affaccia la sede di ArchiViVitali che raccoglie in particolare l’Archivio di Giancarlo Vitali, il corpus incisorio presentato prima nel 1994 e poi nel 2017 al Castello Sforzesco di Milano, i libri d’artista, le opere su carta, alcuni dipinti, la raccolta fotografica e la biblioteca del pittore scomparso il 25 luglio 2018.
www.archivivitali.org

Ott
25
ven
Maleficent – Signora del Male
Ott 25@21:00
Maleficent - Signora del Male

Da Giovedì 17 a Lunedì 21 e da Venerdì 25 a Domenica 27 Ottobre, ore 21

Domenica 20 e Domenica 27 Ottobre, anche ore 17

– Cinema di Bellano –

Angelina Jolie torna a vestire i panni di Malefica dopo il successo del primo capitolo diretto da Robert Stromberg.

Regia di Joachim Rønning
Un film con Angelina Jolie, Elle Fanning, Ed Skrein, Juno Temple, Michelle Pfeiffer, Chiwetel Ejiofor
Genere Fantastico
USA, 2019,
Walt Disney

“Il diavolo ha le migliori battute”, si dice. Non stupisce, dunque, che qualche volta sia il male a rubare la scena al bene. Indipendentemente dal fatto che i buoni sentimenti siano destinati a trionfare, i buoni a vincere e i malvagi a patire, ci sono alcune occasioni in cui l’ago della bilancia della simpatia finisce col pendere, pericolosamente, dalla parte sbagliata. Nelle favole, per esempio.

La Malefica di Angelina Jolie, fata dalle ali mozzate, umiliata nei sentimenti e ferita dall’uomo che ama, è la campionessa del nuovo protagonismo delle cattive nelle moderne versioni cinematografiche delle fiabe.

Creata nel 2014 per dare nuova linfa alla favola della Bella Addormentata (e ancora al cinema nel sequel Maleficent – Signora del male), Malefica è una creatura spaventosamente arrabbiata, che maledice “di diritto” la piccola Aurora salvo poi ricredersi e convergere, pacificata, verso il (lieto) finale.

A darle filo da torcere, nel nuovo film della saga, sarà una cattiva al quadrato, la Regina Ingrith, interpretata dalla stessa Michelle Pfeiffer che nei panni di una fata incattivita – la strega Lamia – già si rese immortale nel 2007 con Stardust di Matthew Vaughn. Indimenticabile anche la prova di Charlize Theron, sensuale e fatale nei panni della strega Ravenna di Biancaneve e il cacciatore e Il cacciatore e la regina di ghiaccio. Segni particolari: la propensione alla tirannia (regna con pugno di ferro sulle terre di Tabor), una bellezza soprannaturale, l’ossessione per gli specchi magici e una certa inclinazione per il tradimento. Nome diverso, Grimilde, per lo stesso ruolo, quello della regina cattiva di Biancaneve, per Julia Roberts in Biancaneve di Tarsem Singh: pettinature vaporose, abuso di piume di struzzo, vestiti dai colori accesi e il sorriso, marchio di fabbrica di Roberts, dotato per l’occasione della licenza di uccidere.

Ott
26
sab
“Il bello dell’Orrido” @ Bellano - Cinema
Ott 26@18:00
"Il bello dell'Orrido" @ Bellano - Cinema

Festival Letterario “IL BELLO DELL’ORRIDO”

Prima edizione: dal 21 settembre 2019 al 14  dicembre 2019
Gli incontri si terranno di Sabato alle ore 18.00 presso il Cinema di Bellano (LC) – Tranne l’incontro di Sabato 23 Novembre che si terrà all’Ex Circolo dei Lavoratori in Via Manzoni, 50.

Incontri d’autore vista lago a cura di Armando Besio. Spavento, stupore, meraviglia.

Rassegna organizzata da ArchiViVitali, in collaborazione con il Comune di Bellano
grazie al sostegno di 20 Red Lights, La Scala, Orrido di Bellano, Torneria Automatica Alfredo Colombo.
Segreteria organizzativa: Silvia Introzzi comunicazione@manzoni22.it

Sabato 21 settembre 2019 INCONTRO INAUGURALE

Autore: STEFANO ZUFFI

“IL FASCINO DEL BRUTTO. MOSTRI, DEMONI E ALTRI ORRORI NELLA GRANDE ARTE, DA LEONARDO A GOYA”

Appuntamento alle 17 al Circolo di Via Manzoni per la presentazione del quaderno “CADUTA LIBERA” e visita della mostra con Velasco Vitali.

Sabato 12 ottobre 2019

Autore: CRISTINA DELL’ ACQUA

“UNA SPA PER L’ANIMA: I CLASSICI GRECI DA ESCHILO A SENECA, DA EURIPIDE A CICERONE, RISOPERTI COME MAESTRI DI BEN-ESSERE INTERIORE”

Sabato 26 ottobre 2019

Autore: GIOELE DIX

“LA BIBBIA HA (QUASI) SEMPRE RAGIONE”

Sabato 23 novembre 2019

Autore: Mauro Novelli

“LA FINESTRA DI LEOPARDI – VIAGGIO NELLE CASE DEI GRANDI SCRITTORI ITALIANI”

L’incontro di sabato 23 novembre si terrà all’Ex Circolo dei Lavoratori in Via Manzoni, 50 Bellano

Sabato 07 dicembre 2019 

Autore: Giorgio Teruzzi

“PRO- FUMO. VITA, AMORI, IDEALI DELUSI, SPERANZE NON ANCORA SOPITE DI UN GRANDE GIORNALISTA E SCRITTORE”

Seguirà l’inaugurazione della mostra di George Kenneth Scott presso l’Ex Circolo dei Lavoratori in Via Manzoni, 50.  Mostra a cura di Velasco Vitali. 

 

Maleficent – Signora del Male
Ott 26@21:00
Maleficent - Signora del Male

Da Giovedì 17 a Lunedì 21 e da Venerdì 25 a Domenica 27 Ottobre, ore 21

Domenica 20 e Domenica 27 Ottobre, anche ore 17

– Cinema di Bellano –

Angelina Jolie torna a vestire i panni di Malefica dopo il successo del primo capitolo diretto da Robert Stromberg.

Regia di Joachim Rønning
Un film con Angelina Jolie, Elle Fanning, Ed Skrein, Juno Temple, Michelle Pfeiffer, Chiwetel Ejiofor
Genere Fantastico
USA, 2019,
Walt Disney

“Il diavolo ha le migliori battute”, si dice. Non stupisce, dunque, che qualche volta sia il male a rubare la scena al bene. Indipendentemente dal fatto che i buoni sentimenti siano destinati a trionfare, i buoni a vincere e i malvagi a patire, ci sono alcune occasioni in cui l’ago della bilancia della simpatia finisce col pendere, pericolosamente, dalla parte sbagliata. Nelle favole, per esempio.

La Malefica di Angelina Jolie, fata dalle ali mozzate, umiliata nei sentimenti e ferita dall’uomo che ama, è la campionessa del nuovo protagonismo delle cattive nelle moderne versioni cinematografiche delle fiabe.

Creata nel 2014 per dare nuova linfa alla favola della Bella Addormentata (e ancora al cinema nel sequel Maleficent – Signora del male), Malefica è una creatura spaventosamente arrabbiata, che maledice “di diritto” la piccola Aurora salvo poi ricredersi e convergere, pacificata, verso il (lieto) finale.

A darle filo da torcere, nel nuovo film della saga, sarà una cattiva al quadrato, la Regina Ingrith, interpretata dalla stessa Michelle Pfeiffer che nei panni di una fata incattivita – la strega Lamia – già si rese immortale nel 2007 con Stardust di Matthew Vaughn. Indimenticabile anche la prova di Charlize Theron, sensuale e fatale nei panni della strega Ravenna di Biancaneve e il cacciatore e Il cacciatore e la regina di ghiaccio. Segni particolari: la propensione alla tirannia (regna con pugno di ferro sulle terre di Tabor), una bellezza soprannaturale, l’ossessione per gli specchi magici e una certa inclinazione per il tradimento. Nome diverso, Grimilde, per lo stesso ruolo, quello della regina cattiva di Biancaneve, per Julia Roberts in Biancaneve di Tarsem Singh: pettinature vaporose, abuso di piume di struzzo, vestiti dai colori accesi e il sorriso, marchio di fabbrica di Roberts, dotato per l’occasione della licenza di uccidere.

Ott
27
dom
Mercatino di libri doppi e usati @ Cantina del Municipio
Ott 27@10:30–12:30
Mercatino di libri doppi e usati @ Cantina del Municipio

La Biblioteca “Antonio Balbiani” di Bellano organizza “La Cantina dei Libri”, il mercatino di libri doppi e usati. 

Tutte le domeniche di ottobre dalle 10.30 alle 12.30. 

Cantina del Municipio – Ingresso laterale in Via Carlo Porta 

 

Maleficent – Signora del Male
Ott 27@17:00
Maleficent - Signora del Male

Da Giovedì 17 a Lunedì 21 e da Venerdì 25 a Domenica 27 Ottobre, ore 21

Domenica 20 e Domenica 27 Ottobre, anche ore 17

– Cinema di Bellano –

Angelina Jolie torna a vestire i panni di Malefica dopo il successo del primo capitolo diretto da Robert Stromberg.

Regia di Joachim Rønning
Un film con Angelina Jolie, Elle Fanning, Ed Skrein, Juno Temple, Michelle Pfeiffer, Chiwetel Ejiofor
Genere Fantastico
USA, 2019,
Walt Disney

“Il diavolo ha le migliori battute”, si dice. Non stupisce, dunque, che qualche volta sia il male a rubare la scena al bene. Indipendentemente dal fatto che i buoni sentimenti siano destinati a trionfare, i buoni a vincere e i malvagi a patire, ci sono alcune occasioni in cui l’ago della bilancia della simpatia finisce col pendere, pericolosamente, dalla parte sbagliata. Nelle favole, per esempio.

La Malefica di Angelina Jolie, fata dalle ali mozzate, umiliata nei sentimenti e ferita dall’uomo che ama, è la campionessa del nuovo protagonismo delle cattive nelle moderne versioni cinematografiche delle fiabe.

Creata nel 2014 per dare nuova linfa alla favola della Bella Addormentata (e ancora al cinema nel sequel Maleficent – Signora del male), Malefica è una creatura spaventosamente arrabbiata, che maledice “di diritto” la piccola Aurora salvo poi ricredersi e convergere, pacificata, verso il (lieto) finale.

A darle filo da torcere, nel nuovo film della saga, sarà una cattiva al quadrato, la Regina Ingrith, interpretata dalla stessa Michelle Pfeiffer che nei panni di una fata incattivita – la strega Lamia – già si rese immortale nel 2007 con Stardust di Matthew Vaughn. Indimenticabile anche la prova di Charlize Theron, sensuale e fatale nei panni della strega Ravenna di Biancaneve e il cacciatore e Il cacciatore e la regina di ghiaccio. Segni particolari: la propensione alla tirannia (regna con pugno di ferro sulle terre di Tabor), una bellezza soprannaturale, l’ossessione per gli specchi magici e una certa inclinazione per il tradimento. Nome diverso, Grimilde, per lo stesso ruolo, quello della regina cattiva di Biancaneve, per Julia Roberts in Biancaneve di Tarsem Singh: pettinature vaporose, abuso di piume di struzzo, vestiti dai colori accesi e il sorriso, marchio di fabbrica di Roberts, dotato per l’occasione della licenza di uccidere.

Maleficent – Signora del Male
Ott 27@21:00
Maleficent - Signora del Male

Da Giovedì 17 a Lunedì 21 e da Venerdì 25 a Domenica 27 Ottobre, ore 21

Domenica 20 e Domenica 27 Ottobre, anche ore 17

– Cinema di Bellano –

Angelina Jolie torna a vestire i panni di Malefica dopo il successo del primo capitolo diretto da Robert Stromberg.

Regia di Joachim Rønning
Un film con Angelina Jolie, Elle Fanning, Ed Skrein, Juno Temple, Michelle Pfeiffer, Chiwetel Ejiofor
Genere Fantastico
USA, 2019,
Walt Disney

“Il diavolo ha le migliori battute”, si dice. Non stupisce, dunque, che qualche volta sia il male a rubare la scena al bene. Indipendentemente dal fatto che i buoni sentimenti siano destinati a trionfare, i buoni a vincere e i malvagi a patire, ci sono alcune occasioni in cui l’ago della bilancia della simpatia finisce col pendere, pericolosamente, dalla parte sbagliata. Nelle favole, per esempio.

La Malefica di Angelina Jolie, fata dalle ali mozzate, umiliata nei sentimenti e ferita dall’uomo che ama, è la campionessa del nuovo protagonismo delle cattive nelle moderne versioni cinematografiche delle fiabe.

Creata nel 2014 per dare nuova linfa alla favola della Bella Addormentata (e ancora al cinema nel sequel Maleficent – Signora del male), Malefica è una creatura spaventosamente arrabbiata, che maledice “di diritto” la piccola Aurora salvo poi ricredersi e convergere, pacificata, verso il (lieto) finale.

A darle filo da torcere, nel nuovo film della saga, sarà una cattiva al quadrato, la Regina Ingrith, interpretata dalla stessa Michelle Pfeiffer che nei panni di una fata incattivita – la strega Lamia – già si rese immortale nel 2007 con Stardust di Matthew Vaughn. Indimenticabile anche la prova di Charlize Theron, sensuale e fatale nei panni della strega Ravenna di Biancaneve e il cacciatore e Il cacciatore e la regina di ghiaccio. Segni particolari: la propensione alla tirannia (regna con pugno di ferro sulle terre di Tabor), una bellezza soprannaturale, l’ossessione per gli specchi magici e una certa inclinazione per il tradimento. Nome diverso, Grimilde, per lo stesso ruolo, quello della regina cattiva di Biancaneve, per Julia Roberts in Biancaneve di Tarsem Singh: pettinature vaporose, abuso di piume di struzzo, vestiti dai colori accesi e il sorriso, marchio di fabbrica di Roberts, dotato per l’occasione della licenza di uccidere.

Ott
28
lun
Presentazione del libro “La casa del Cinema di Bellano” @ Cinema Teatro Casa del Popolo
Ott 28@21:00
Presentazione del libro "La casa del Cinema di Bellano" @ Cinema Teatro Casa del Popolo

Lunedì 28 Ottobre 2019 – Ore 21.00

Cinema Teatro Casa del Popolo – Bellano

In occasione degli 80 anni del Cinema presentazione del libro “La casa del Cinema di Bellano. Manifesto in codice”.

A cura di Calvasina Stefano – Di Simone Joshua – Rigamonti Lucia.

Ott
29
mar
Serate DiMartedì @ Sala Civica
Ott 29@20:45

II° Edizione Di Martedì – Serate Divulgative

Inizio serate: ore 20.45

Sala Civica di Bellano – Via Marinai d’Italia

29 OTTOBRE – parliamo di BOTANICA

“Gli Alberi – manutenzione e gestione del verde arboreo di Bellano”

Relatore: Dott. Agronomo Marco Pecollo

26 NOVEMBRE – parliamo di GEOLOGIA

“Da Leonardo a Stoppani – nascita della Paleontologia in Italia” 

Relatore: Prof. Giovanni Rossi

17 DICEMBRE – parliamo di ARTE

“Picasso. Il gesto artistico dell’esposizione milanese del 1953”

Relatore: Prof.ssa Laura Polo

28 GENNAIO 2020 – parliamo di FILOSOFIA

“Schopenauer e la concezione dell’arte”

Relatore: Prof.ssa Maria Luisa Montagna

18 FEBBRAIO – parliamo di MUSICA

“Musica al microscopio. Immersione nelle strutture musicali.” (Con musiche di Bach, Beethoven – Debussy)

Relatore: Prof. Michele Santomassimo

24 MARZO 2020- parliamo di LETTERATURA

“Vita o Teatro? Charlotte Salomon e Sylvie Schenk tra biografia e finzione”

Relatore: Prof.ssa Roberta Tadini

21 APRILE 2020 – parliamo di STORIA

“Gli anni Settanta. Il decennio lungo della storia italiana”

Relatore: Prof. Michele Donnanno

26 MAGGIO 2020- parliamo di CINEMA

“Fotografi e Pittori” (approcci di Stanley Kubrick, Peter Greenaway e David Lynch)

Relatore: prof. Giacomo Pelladoni

 

Serate con l’ausilio di proiezione di filmati

Ott
30
mer
Yesterday
Ott 30@21:00
Yesterday

Mercoledì 30 Ottobre, Ore 21 – Cinema di Bellano

Un giorno un uomo si sveglia e capisce di essere l’unico sulla faccia della Terra a conoscere le canzoni dei Beatles.

Regia di Danny Boyle
Un film con Himesh Patel, Lily James, Ed Sheeran, Kate McKinnon, Joel Fry, James Corden
Genere Commedia, Fantasy
Gran Bretagna, Russia, Cina, 2019
durata 116 minuti
Universal Pictures

Jack Malik è un musicista di scarso successo. In lui crede solo Ellie, manager, amica e forse qualcosa in più, benché inespresso. Finché una sera, dopo che ha deciso di smettere con la musica e cercare un lavoro più regolare, Jack ha un incidente e perde coscienza durante un blackout planetario. Quando si sveglia, scopre che il mondo è stato privato delle canzoni dei Beatles e che lui è rimasto il solo a ricordarle.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Link utili

testata1  Comune di Bellano

navigazione   Navigazione Lago di Como

trenitalia   Ferrovie dello Stato

logo_confcommerciolecco

leccoapp_icon    AppLecco

Lug
27
sab
Mostra “Caduta Libera” @ Bellano - Ex Circolo Lavoratori
Lug 27–Nov 10 giorno intero
Mostra "Caduta Libera" @ Bellano - Ex Circolo Lavoratori

CADUTA LIBERA
a cura di Velasco Vitali

26 luglio – 10 novembre 2019
CIRCOLO
Via Manzoni, 50 . Bellano

Organizzato da ArchiViVitali in collaborazione con il Comune di BellanoFondazione MaimeriFonderia Artistica BattagliaM77 Gallery e con il sostegno di 20 Red LightsBIG Broker Insurance GroupLa ScalaOrrido di BellanoTorneria Automatica Alfredo Colombo.

Inaugurazione Circolo Bellano: 26 luglio . ore 19 | 21

Orari di apertura:

27 luglio/ 01 settembre – mar/ven 18-22; sab-dom 11-13 . 18-22
2 settembre / 10 novembre: sab/dom 11-13 . 16-18


CADUTA LIBERA è il titolo della seconda mostra a cura di Velasco Vitali che si inaugura al Circolo di Bellano il 26 luglio, e sarà aperta fino al 10 novembre 2019. Da qui, in dicembre sarà riallestita nei nuovi spazi della Fonderia Artistica Battaglia, a Milano.

CADUTA LIBERA è un’indagine sull’oscurità, sulle sue sorprese e i suoi fantasmi. È un omaggio all’Orrido come luogo fisico e paesaggio dell’anima, ma anche un’escursione mentale sulle zone d’ombra e gli oggetti abbandonati o dimenticati che riaffiorano a nuova vita con sembianze diverse rispetto a ciò che erano e alle ragioni per le quali sono stati creati. La suggestione s’ispira al movimento di un rivolo d’acqua quando oltrepassa uno scalino di roccia e diventa cascata. Dal mistero dell’erosione carsica e dall’insistente lavoro di scavo che l’acqua fa sulla pietra. Anfratti, grotte e gole sono “l’orrido” risultato di questa azione.
Luoghi inaccessibili e paurosi che solo l’azzardo speleologico ogni tanto riesce a svelare, portando a galla qualcosa di sorprendente: è la memoria biologica stratificata e sedimentata, è un mondo naturale che scorre a nostra insaputa sotto di noi. Certe volte il fiume in piena esonda dal proprio alveo e l’acqua trascina con sé i sedimenti di superficie, svelando materiali e reperti ripuliti dai loro fronzoli, rimodellati e “sabbiati”: forme nuove sotto nuova luce.
La mostra nasce dalla scoperta di un nucleo di venticinque opere che Gianni Maimeri (1884-1951) dipinse fra il 1906 e 1910 rinchiudendosi fra le gole di un Orrido. Sono dipinti mai esposti al pubblico e per la prima volta visibili nel loro insieme. Sono la testimonianza di uno slancio giovanile di chiaro impulso romantico, ma con una folgorante matrice espressionistica.
Cromie che cercano di emergere dal buio. Sulla parete opposta della grande sala, è allestito un estratto dal ciclo Gypsoteca di Agostino Iacurci: una ricerca di oggetti e simboli della memoria popolare che filtra e plasma gli elementi di classicità reinventandoli con uno spirito Pop di echi disneyani. Dalle finestre del Circolo, appare in giardino il non finito abbandonato ovvero i detriti di alcune importanti sculture realizzate presso la Fonderia Artistica Battaglia, storica officina del bronzo dalla quale sono passati i più celebri scultori italiani del Ventesimo Secolo.
Un grande tappeto blu, simbolo della cascata, ‘sgorga’ dalla scala barocca del Circolo e si riversa sulla contrada, invadendola. Al centro dell’atrio, uno smisurato orecchio giallo, opera di Agostino Iacurci, diventa simbolo metafisico, in ascolto degli echi dell’Orrido.

La data della mostra estiva coincide con l’anniversario della scomparsa di Giancarlo Vitali (29.11.1929 _ 25.07.2018).
In occasione dell’inaugurazione di CADUTA LIBERA sarà aperto al pubblico l’Archivio dell’artista (altrimenti aperto su prenotazione) ospitato nello spazio adiacente al Circolo.

GIANNI MAIMERI (1884-1951)

Gianni Maimeri nasce a Varano il 21 giugno 1884 da una famiglia appartenente a quella classe d’imprenditori che pioneristicamente diedero impulso alla nascente industria lombarda. Dopo una breve parentesi veneziana presso lo studio di Giuseppe Vizzotto, nel 1906 rientra a Milano e prosegue gli studi con Leonardo Bazzaro, stabilendo un rapporto molto intenso di stima reciproca con Emilio Gola, che chiama “maestro”. Raffaello Giolli presenta la sua prima personale nel 1918, a cui si susseguono molte personali e collettive presso le più importanti gallerie pubbliche e private. Maimeri s’ inserisce facilmente nella vita artistica italiana, ma se ne distacca dopo l’avvento del fascismo. Nonostante sia palesemente messo in disparte, nel 1929 vince la medaglia d’oro e il premio del Ministero delle Comunicazioni alla terza Esposizione del Paesaggio tenuta a Bologna. La vita di Milano lo coinvolge: nel 1929 ingaggia una dura battaglia con la Podesteria Milanese sul piano regolatore che prevede la chiusura dei Navigli. Testimonianze di quegli anni, il ciclo dei Trenta Navigli di Milano. Pittore e uomo pubblico, dunque, ma anche imprenditore: nel 1923, insieme con il fratello Carlo che nel 1908 aveva conseguito la laurea in chimica industriale, rileva il Mulino Blondel alla periferia sud di Milano, e fonda la Fratelli Maimeri, una piccola azienda produttrice di colori, che con alterne vicende si svilupperà negli anni a venire fino a raggiungere dimensioni ragguardevoli. Nel 1951 Gianni Maimeri muore a Milano. Soltanto nel 1992 viene esposta e pubblicata per la prima volta al Museo della Scala una ricca sezione di Disegni di Musicisti dal grande valore storico oltre che artistico.

AGOSTINO IACURCI (1986)

Artista italiano che vive a Berlino. Afferma la propria cifra stilistica, utilizzando tutti le tecniche artistiche: pittura, pittura murale, scultura, disegno e installazione. Le sue opere sono caratterizzate da composizioni definite con colori brillanti, ai confini tra la figurazione e l’astrazione. Interessato principalmente agli oggetti di uso quotidiano, il suo linguaggio immediato trasmette molteplici livelli di interpretazione. Per andare oltre il limite della pittura, Iacurci ambienta opere e spazi scenografici, ricreando nuovi spazi. Ha esposto in molte mostre, festival e partecipato a progetti in Europa, Stati Uniti, Brasile, Russia, India, Indonesia, Messico, Australia, Corea, Giappone e Taiwan. Le mostre recenti: Urban Art Biennale 2017, Völkinger Hütte, European Centre for Art and Industrial Culture, Germany; Cross the streets, Museo Macro Roma, 2017; FADA, House of Madness, The Watermill Center, New York, 2016; 16° Premio Cairo, Palazzo della Permanente, Milano, 2016; Codici sorgenti, Palazzo Platamone, Catania, 2015; From Street to Art, Italian Cultural Institute of New York, Artmosphere, Urban art Biennale, Moscow, 2014.
www.agostinoiacurci.com

FONDERIA ARTISTICA BATTAGLIA

Fonderia Artistica Battaglia nasce a Milano nel 1913 da tre soci fondatori: Ercole Battaglia, Giulio Pogliani e Riccardo Frigerio. Fin dagli inizi, Battaglia ha realizzato bronzi artistici con il metodo della fusione a cera persa. Battaglia ha fuso opere di artisti come Arturo Martini, Francesco Messina, Marino Marini, Giacomo Manzù e, dopo la seconda guerra mondiale, Kengiro Azuma, Giò e Arnaldo Pomodoro, Lucio Fontana. Le opere più famose di Battaglia, quelle che saranno sempre ricordate dalle generazioni future, sono il cavallo di RAI di Francesco Messina, 196, le copie dei cavalli bizantini sopra la Basilica di San Marco a Venezia; Le Sfere di Arnaldo Pomodoro nel Cortile della Pigna e la Sfera Vaticana all’esterno della sede dell’ONU a New York; Il monumento di Floriano Bodini I Sette Gottinga ad Hannover e la sua famosa “Porta Santa” della Basilica di San Giovanni in Laterano per il Giubileo del 2000 a Roma.
Dal 2013 la Fonderia Artistica Battaglia ricerca in modo capillare le varie possibili finiture e patine del bronzo; di quest’ultime ad oggi Battaglia ha catalogato ben 150 reazioni cromatiche diverse creando il campionario probabilmente più completo al mondo. L’avvio del Dipartimento di Restauro, all’interno della Fonderia sotto la responsabilità di una restauratrice laureata all’Opificio delle Pietre Dure di Firenze, consente di conservare e studiare le sculture in bronzo antiche e moderne. Battaglia collabora con importanti artisti contemporanei tra i quali: Giorgio Andreotta Calò, Francesco Arena, Marguerite Humeau, Gianni Politi, Francesco Simeti, Nico Vascellari, Serena Vestrucci, Vihls, Velasco Vitali, Peter Wächtler. Dal 2014 Fonderia Artistica Battaglia ha avviato un progetto sperimentale che coinvolge alcune delle figure più importanti dell’art design contemporaneo.
www.fonderiabattaglia.com

IL CIRCOLO

Riconsegnato alla comunità nel mese di dicembre 2018 dopo un meticoloso restauro, lo spazio Circolo (ex Circolo dei Lavoratori) è stato affidato ad ArchiViVitali, con bando pubblico, per l’organizzazione di due esposizioni annuali, curate dall’artista Velasco Vitali e che saranno sempre inaugurate in due date simboliche: il 29 novembre per ricordare la data di nascita di Giancarlo Vitali e il 25 di luglio per ricordarne la scomparsa.
Dal 21 settembre 2019, il Circolo ospiterà anche la rassegna IL BELLO DELL’ORRIDO a cura di Armando Besio, un calendario di incontri con autori in omaggio ai molti scrittori Bellanesi, Sigismondo Boldoni, Antonio Balbiani, Tommaso Grossi, Luciano Lombardi e Andrea Vitali.

ARCHIVIVITALI E L’ARCHIVIO DI GIANCARLO VITALI

Accanto al Circolo, sullo stesso cortile che un tempo ospitava il campo di bocce, si affaccia la sede di ArchiViVitali che raccoglie in particolare l’Archivio di Giancarlo Vitali, il corpus incisorio presentato prima nel 1994 e poi nel 2017 al Castello Sforzesco di Milano, i libri d’artista, le opere su carta, alcuni dipinti, la raccolta fotografica e la biblioteca del pittore scomparso il 25 luglio 2018.
www.archivivitali.org

Ott
25
ven
Maleficent – Signora del Male
Ott 25@21:00
Maleficent - Signora del Male

Da Giovedì 17 a Lunedì 21 e da Venerdì 25 a Domenica 27 Ottobre, ore 21

Domenica 20 e Domenica 27 Ottobre, anche ore 17

– Cinema di Bellano –

Angelina Jolie torna a vestire i panni di Malefica dopo il successo del primo capitolo diretto da Robert Stromberg.

Regia di Joachim Rønning
Un film con Angelina Jolie, Elle Fanning, Ed Skrein, Juno Temple, Michelle Pfeiffer, Chiwetel Ejiofor
Genere Fantastico
USA, 2019,
Walt Disney

“Il diavolo ha le migliori battute”, si dice. Non stupisce, dunque, che qualche volta sia il male a rubare la scena al bene. Indipendentemente dal fatto che i buoni sentimenti siano destinati a trionfare, i buoni a vincere e i malvagi a patire, ci sono alcune occasioni in cui l’ago della bilancia della simpatia finisce col pendere, pericolosamente, dalla parte sbagliata. Nelle favole, per esempio.

La Malefica di Angelina Jolie, fata dalle ali mozzate, umiliata nei sentimenti e ferita dall’uomo che ama, è la campionessa del nuovo protagonismo delle cattive nelle moderne versioni cinematografiche delle fiabe.

Creata nel 2014 per dare nuova linfa alla favola della Bella Addormentata (e ancora al cinema nel sequel Maleficent – Signora del male), Malefica è una creatura spaventosamente arrabbiata, che maledice “di diritto” la piccola Aurora salvo poi ricredersi e convergere, pacificata, verso il (lieto) finale.

A darle filo da torcere, nel nuovo film della saga, sarà una cattiva al quadrato, la Regina Ingrith, interpretata dalla stessa Michelle Pfeiffer che nei panni di una fata incattivita – la strega Lamia – già si rese immortale nel 2007 con Stardust di Matthew Vaughn. Indimenticabile anche la prova di Charlize Theron, sensuale e fatale nei panni della strega Ravenna di Biancaneve e il cacciatore e Il cacciatore e la regina di ghiaccio. Segni particolari: la propensione alla tirannia (regna con pugno di ferro sulle terre di Tabor), una bellezza soprannaturale, l’ossessione per gli specchi magici e una certa inclinazione per il tradimento. Nome diverso, Grimilde, per lo stesso ruolo, quello della regina cattiva di Biancaneve, per Julia Roberts in Biancaneve di Tarsem Singh: pettinature vaporose, abuso di piume di struzzo, vestiti dai colori accesi e il sorriso, marchio di fabbrica di Roberts, dotato per l’occasione della licenza di uccidere.

Ott
26
sab
“Il bello dell’Orrido” @ Bellano - Cinema
Ott 26@18:00
"Il bello dell'Orrido" @ Bellano - Cinema

Festival Letterario “IL BELLO DELL’ORRIDO”

Prima edizione: dal 21 settembre 2019 al 14  dicembre 2019
Gli incontri si terranno di Sabato alle ore 18.00 presso il Cinema di Bellano (LC) – Tranne l’incontro di Sabato 23 Novembre che si terrà all’Ex Circolo dei Lavoratori in Via Manzoni, 50.

Incontri d’autore vista lago a cura di Armando Besio. Spavento, stupore, meraviglia.

Rassegna organizzata da ArchiViVitali, in collaborazione con il Comune di Bellano
grazie al sostegno di 20 Red Lights, La Scala, Orrido di Bellano, Torneria Automatica Alfredo Colombo.
Segreteria organizzativa: Silvia Introzzi comunicazione@manzoni22.it

Sabato 21 settembre 2019 INCONTRO INAUGURALE

Autore: STEFANO ZUFFI

“IL FASCINO DEL BRUTTO. MOSTRI, DEMONI E ALTRI ORRORI NELLA GRANDE ARTE, DA LEONARDO A GOYA”

Appuntamento alle 17 al Circolo di Via Manzoni per la presentazione del quaderno “CADUTA LIBERA” e visita della mostra con Velasco Vitali.

Sabato 12 ottobre 2019

Autore: CRISTINA DELL’ ACQUA

“UNA SPA PER L’ANIMA: I CLASSICI GRECI DA ESCHILO A SENECA, DA EURIPIDE A CICERONE, RISOPERTI COME MAESTRI DI BEN-ESSERE INTERIORE”

Sabato 26 ottobre 2019

Autore: GIOELE DIX

“LA BIBBIA HA (QUASI) SEMPRE RAGIONE”

Sabato 23 novembre 2019

Autore: Mauro Novelli

“LA FINESTRA DI LEOPARDI – VIAGGIO NELLE CASE DEI GRANDI SCRITTORI ITALIANI”

L’incontro di sabato 23 novembre si terrà all’Ex Circolo dei Lavoratori in Via Manzoni, 50 Bellano

Sabato 07 dicembre 2019 

Autore: Giorgio Teruzzi

“PRO- FUMO. VITA, AMORI, IDEALI DELUSI, SPERANZE NON ANCORA SOPITE DI UN GRANDE GIORNALISTA E SCRITTORE”

Seguirà l’inaugurazione della mostra di George Kenneth Scott presso l’Ex Circolo dei Lavoratori in Via Manzoni, 50.  Mostra a cura di Velasco Vitali. 

 

Maleficent – Signora del Male
Ott 26@21:00
Maleficent - Signora del Male

Da Giovedì 17 a Lunedì 21 e da Venerdì 25 a Domenica 27 Ottobre, ore 21

Domenica 20 e Domenica 27 Ottobre, anche ore 17

– Cinema di Bellano –

Angelina Jolie torna a vestire i panni di Malefica dopo il successo del primo capitolo diretto da Robert Stromberg.

Regia di Joachim Rønning
Un film con Angelina Jolie, Elle Fanning, Ed Skrein, Juno Temple, Michelle Pfeiffer, Chiwetel Ejiofor
Genere Fantastico
USA, 2019,
Walt Disney

“Il diavolo ha le migliori battute”, si dice. Non stupisce, dunque, che qualche volta sia il male a rubare la scena al bene. Indipendentemente dal fatto che i buoni sentimenti siano destinati a trionfare, i buoni a vincere e i malvagi a patire, ci sono alcune occasioni in cui l’ago della bilancia della simpatia finisce col pendere, pericolosamente, dalla parte sbagliata. Nelle favole, per esempio.

La Malefica di Angelina Jolie, fata dalle ali mozzate, umiliata nei sentimenti e ferita dall’uomo che ama, è la campionessa del nuovo protagonismo delle cattive nelle moderne versioni cinematografiche delle fiabe.

Creata nel 2014 per dare nuova linfa alla favola della Bella Addormentata (e ancora al cinema nel sequel Maleficent – Signora del male), Malefica è una creatura spaventosamente arrabbiata, che maledice “di diritto” la piccola Aurora salvo poi ricredersi e convergere, pacificata, verso il (lieto) finale.

A darle filo da torcere, nel nuovo film della saga, sarà una cattiva al quadrato, la Regina Ingrith, interpretata dalla stessa Michelle Pfeiffer che nei panni di una fata incattivita – la strega Lamia – già si rese immortale nel 2007 con Stardust di Matthew Vaughn. Indimenticabile anche la prova di Charlize Theron, sensuale e fatale nei panni della strega Ravenna di Biancaneve e il cacciatore e Il cacciatore e la regina di ghiaccio. Segni particolari: la propensione alla tirannia (regna con pugno di ferro sulle terre di Tabor), una bellezza soprannaturale, l’ossessione per gli specchi magici e una certa inclinazione per il tradimento. Nome diverso, Grimilde, per lo stesso ruolo, quello della regina cattiva di Biancaneve, per Julia Roberts in Biancaneve di Tarsem Singh: pettinature vaporose, abuso di piume di struzzo, vestiti dai colori accesi e il sorriso, marchio di fabbrica di Roberts, dotato per l’occasione della licenza di uccidere.

Ott
27
dom
Mercatino di libri doppi e usati @ Cantina del Municipio
Ott 27@10:30–12:30
Mercatino di libri doppi e usati @ Cantina del Municipio

La Biblioteca “Antonio Balbiani” di Bellano organizza “La Cantina dei Libri”, il mercatino di libri doppi e usati. 

Tutte le domeniche di ottobre dalle 10.30 alle 12.30. 

Cantina del Municipio – Ingresso laterale in Via Carlo Porta 

 

Maleficent – Signora del Male
Ott 27@17:00
Maleficent - Signora del Male

Da Giovedì 17 a Lunedì 21 e da Venerdì 25 a Domenica 27 Ottobre, ore 21

Domenica 20 e Domenica 27 Ottobre, anche ore 17

– Cinema di Bellano –

Angelina Jolie torna a vestire i panni di Malefica dopo il successo del primo capitolo diretto da Robert Stromberg.

Regia di Joachim Rønning
Un film con Angelina Jolie, Elle Fanning, Ed Skrein, Juno Temple, Michelle Pfeiffer, Chiwetel Ejiofor
Genere Fantastico
USA, 2019,
Walt Disney

“Il diavolo ha le migliori battute”, si dice. Non stupisce, dunque, che qualche volta sia il male a rubare la scena al bene. Indipendentemente dal fatto che i buoni sentimenti siano destinati a trionfare, i buoni a vincere e i malvagi a patire, ci sono alcune occasioni in cui l’ago della bilancia della simpatia finisce col pendere, pericolosamente, dalla parte sbagliata. Nelle favole, per esempio.

La Malefica di Angelina Jolie, fata dalle ali mozzate, umiliata nei sentimenti e ferita dall’uomo che ama, è la campionessa del nuovo protagonismo delle cattive nelle moderne versioni cinematografiche delle fiabe.

Creata nel 2014 per dare nuova linfa alla favola della Bella Addormentata (e ancora al cinema nel sequel Maleficent – Signora del male), Malefica è una creatura spaventosamente arrabbiata, che maledice “di diritto” la piccola Aurora salvo poi ricredersi e convergere, pacificata, verso il (lieto) finale.

A darle filo da torcere, nel nuovo film della saga, sarà una cattiva al quadrato, la Regina Ingrith, interpretata dalla stessa Michelle Pfeiffer che nei panni di una fata incattivita – la strega Lamia – già si rese immortale nel 2007 con Stardust di Matthew Vaughn. Indimenticabile anche la prova di Charlize Theron, sensuale e fatale nei panni della strega Ravenna di Biancaneve e il cacciatore e Il cacciatore e la regina di ghiaccio. Segni particolari: la propensione alla tirannia (regna con pugno di ferro sulle terre di Tabor), una bellezza soprannaturale, l’ossessione per gli specchi magici e una certa inclinazione per il tradimento. Nome diverso, Grimilde, per lo stesso ruolo, quello della regina cattiva di Biancaneve, per Julia Roberts in Biancaneve di Tarsem Singh: pettinature vaporose, abuso di piume di struzzo, vestiti dai colori accesi e il sorriso, marchio di fabbrica di Roberts, dotato per l’occasione della licenza di uccidere.

Maleficent – Signora del Male
Ott 27@21:00
Maleficent - Signora del Male

Da Giovedì 17 a Lunedì 21 e da Venerdì 25 a Domenica 27 Ottobre, ore 21

Domenica 20 e Domenica 27 Ottobre, anche ore 17

– Cinema di Bellano –

Angelina Jolie torna a vestire i panni di Malefica dopo il successo del primo capitolo diretto da Robert Stromberg.

Regia di Joachim Rønning
Un film con Angelina Jolie, Elle Fanning, Ed Skrein, Juno Temple, Michelle Pfeiffer, Chiwetel Ejiofor
Genere Fantastico
USA, 2019,
Walt Disney

“Il diavolo ha le migliori battute”, si dice. Non stupisce, dunque, che qualche volta sia il male a rubare la scena al bene. Indipendentemente dal fatto che i buoni sentimenti siano destinati a trionfare, i buoni a vincere e i malvagi a patire, ci sono alcune occasioni in cui l’ago della bilancia della simpatia finisce col pendere, pericolosamente, dalla parte sbagliata. Nelle favole, per esempio.

La Malefica di Angelina Jolie, fata dalle ali mozzate, umiliata nei sentimenti e ferita dall’uomo che ama, è la campionessa del nuovo protagonismo delle cattive nelle moderne versioni cinematografiche delle fiabe.

Creata nel 2014 per dare nuova linfa alla favola della Bella Addormentata (e ancora al cinema nel sequel Maleficent – Signora del male), Malefica è una creatura spaventosamente arrabbiata, che maledice “di diritto” la piccola Aurora salvo poi ricredersi e convergere, pacificata, verso il (lieto) finale.

A darle filo da torcere, nel nuovo film della saga, sarà una cattiva al quadrato, la Regina Ingrith, interpretata dalla stessa Michelle Pfeiffer che nei panni di una fata incattivita – la strega Lamia – già si rese immortale nel 2007 con Stardust di Matthew Vaughn. Indimenticabile anche la prova di Charlize Theron, sensuale e fatale nei panni della strega Ravenna di Biancaneve e il cacciatore e Il cacciatore e la regina di ghiaccio. Segni particolari: la propensione alla tirannia (regna con pugno di ferro sulle terre di Tabor), una bellezza soprannaturale, l’ossessione per gli specchi magici e una certa inclinazione per il tradimento. Nome diverso, Grimilde, per lo stesso ruolo, quello della regina cattiva di Biancaneve, per Julia Roberts in Biancaneve di Tarsem Singh: pettinature vaporose, abuso di piume di struzzo, vestiti dai colori accesi e il sorriso, marchio di fabbrica di Roberts, dotato per l’occasione della licenza di uccidere.

Ott
28
lun
Presentazione del libro “La casa del Cinema di Bellano” @ Cinema Teatro Casa del Popolo
Ott 28@21:00
Presentazione del libro "La casa del Cinema di Bellano" @ Cinema Teatro Casa del Popolo

Lunedì 28 Ottobre 2019 – Ore 21.00

Cinema Teatro Casa del Popolo – Bellano

In occasione degli 80 anni del Cinema presentazione del libro “La casa del Cinema di Bellano. Manifesto in codice”.

A cura di Calvasina Stefano – Di Simone Joshua – Rigamonti Lucia.

Ott
29
mar
Serate DiMartedì @ Sala Civica
Ott 29@20:45

II° Edizione Di Martedì – Serate Divulgative

Inizio serate: ore 20.45

Sala Civica di Bellano – Via Marinai d’Italia

29 OTTOBRE – parliamo di BOTANICA

“Gli Alberi – manutenzione e gestione del verde arboreo di Bellano”

Relatore: Dott. Agronomo Marco Pecollo

26 NOVEMBRE – parliamo di GEOLOGIA

“Da Leonardo a Stoppani – nascita della Paleontologia in Italia” 

Relatore: Prof. Giovanni Rossi

17 DICEMBRE – parliamo di ARTE

“Picasso. Il gesto artistico dell’esposizione milanese del 1953”

Relatore: Prof.ssa Laura Polo

28 GENNAIO 2020 – parliamo di FILOSOFIA

“Schopenauer e la concezione dell’arte”

Relatore: Prof.ssa Maria Luisa Montagna

18 FEBBRAIO – parliamo di MUSICA

“Musica al microscopio. Immersione nelle strutture musicali.” (Con musiche di Bach, Beethoven – Debussy)

Relatore: Prof. Michele Santomassimo

24 MARZO 2020- parliamo di LETTERATURA

“Vita o Teatro? Charlotte Salomon e Sylvie Schenk tra biografia e finzione”

Relatore: Prof.ssa Roberta Tadini

21 APRILE 2020 – parliamo di STORIA

“Gli anni Settanta. Il decennio lungo della storia italiana”

Relatore: Prof. Michele Donnanno

26 MAGGIO 2020- parliamo di CINEMA

“Fotografi e Pittori” (approcci di Stanley Kubrick, Peter Greenaway e David Lynch)

Relatore: prof. Giacomo Pelladoni

 

Serate con l’ausilio di proiezione di filmati

Ott
30
mer
Yesterday
Ott 30@21:00
Yesterday

Mercoledì 30 Ottobre, Ore 21 – Cinema di Bellano

Un giorno un uomo si sveglia e capisce di essere l’unico sulla faccia della Terra a conoscere le canzoni dei Beatles.

Regia di Danny Boyle
Un film con Himesh Patel, Lily James, Ed Sheeran, Kate McKinnon, Joel Fry, James Corden
Genere Commedia, Fantasy
Gran Bretagna, Russia, Cina, 2019
durata 116 minuti
Universal Pictures

Jack Malik è un musicista di scarso successo. In lui crede solo Ellie, manager, amica e forse qualcosa in più, benché inespresso. Finché una sera, dopo che ha deciso di smettere con la musica e cercare un lavoro più regolare, Jack ha un incidente e perde coscienza durante un blackout planetario. Quando si sveglia, scopre che il mondo è stato privato delle canzoni dei Beatles e che lui è rimasto il solo a ricordarle.

© 2017 – Pro Loco Bellano – P.IVA 03666390137 - Crediti | Regolamento | Privacy Policy | Cookie Policy

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi